2696

Maria Lucia Andreotti 

 

La toccata per tastiera in Italia dalle origini a Frescobaldi

In appendice una raccolta di 19 toccate di diversi Autori

 

 
€ 42,00
ISBN 978-88-99619-58-9
N. Collana MAN 167
pp. 116,  cm 23x32
 
Sample Page

collana MANUALI

Altre composizioni per ORGANO

ALTRI LIBRI SULLA MUSICA

 

Un breve excursus storico sulla genesi e sull'evoluzione della Toccata per Tastiera in Italia. Una forma compositiva che, da semplice improvvisazione, si erge a colonna portante della produzione tastieristica nel corso dei secoli XVI e XVII senza perdere la cifra identificativa di un pensiero musicale improvvisato.

 

Indice:

 

Prefazione

Cenni storici

 

I. Le origini della toccata

    1. Introduzione

    2. Il Falsobordone

       2.1 Il Falsobordone e la Toccata

    3. Le prime raccolte

    4. Le fasi

 

II.   La toccata veneziana   

    1. Introduzione

    2. La Basilica di San Marco

    3. Gli organisti veneziani

       3.1 Annibale Padovano

       3.2 Andrea Gabrieli

             3.2a Le toccate

       3.3 Claudio Merulo

             3.3a Le toccate

             3.3b Conclusione

             3.3c L’essenza musicale e la musica strumentale

             3.3d Gli scritti e la trattatistica

             3.3e Merulo e i “movimenti d’affetto”

    4. Andrea Gabrieli e Claudio Merulo

    5. Conclusione

       5.1 Considerazioni

 

III. La toccata napoletana

    1. Introduzione

       1.1 La nuova concezione armonica

       1.2 La dissonanza

    2. Cenni storici

    3. Gli organisti della Cappella Reale a Napoli

       3.1 Antonio Valente

       3.2 Rocco Rodio

       3.3 Ascanio Mayone e Giovanni Maria Trabaci

       3.4 Ascanio Mayone

             3.4a Le toccate

        3.5 Giovanni Maria Trabaci

             3.5a Le toccate

 

IV. La toccata a Ferrara

    1. Cenni storici

    2. Gli organisti della corte estense

       2.1 Luzzasco Luzzaschi

             2.1a La toccata

       2.2 Ercole Pasquini

             2.2a Le toccate

       2.3 Girolamo Frescobaldi

             2.3a Roma e l’operosità di Girolamo Frescobaldi

             2.3b Le opere in ordine cronologico

             2.3c La poetica di Girolamo Frescobaldi

             2.3d L’idioma frescobaldiano

             2.3e Le toccate

             La Toccata IX Una breve lettura degli elementi retorici

             Gli Avvertimenti al lettore e la Toccata IX

             2.3f Considerazioni

 

V. Conclusioni

 

Bibliografia

Indice dei nomi

 

Appendice

Raccolta di alcune delle composizioni citate nel testo

 

Francesco da Milano

Tochata I per liuto, 1536

 

Giovanni Luca Conforti

Abbellimenti sui falsobordoni

Tono VIII, da Salmi Passaggiati, 1604

 

Antonio de Cabezòn

Fabordones del octavo tono, 1566

 

Sperindio Bertoldo

Toccata seconda, 1591

 

Annibale Padovano

Toccata del VI tono, 1604 (misure 1-42)

 

Andrea Gabrieli

Toccata X tono, dal Transilvano

Toccata VI tono, (Ricercare e Toccata conclusiva) dal Transilvano

 

Claudio Merulo

Toccata Undecimo detto quinto tono, dal Secondo Libro di toccate, 1604

 

Ascanio Mayone

Dal Primo Libro di Toccate, 1603

Toccata I

Toccata II

Toccata IV

Toccata V

Dal Secondo Libro di Toccate, 1609

Toccata: I

 

Luzzasco Luzzaschi

Toccata per Organo, (Toccata del IV tono), dal Translivano

 

Ercole Pasquini

Toccata III

Toccata [II]

Toccata [III]

Toccata

 

Girolamo Frescobaldi

Toccata IX, dal Secondo Libro di Toccate d’intavolatura di

cembalo e organo, 1627-1637

 

 

 

L'Autrice:

Maria Lucia Andreotti si è diplomata in Organo e Composizione Organistica, in Pianoforte e in Clavicembalo, studiando rispettivamente con Giampaolo Bovina, con M. Laura Macario e con Laura Bertani. Menzionata sul giornale “Il mondo della musica”‚ come uno dei migliori diplomati in Organo e Composizione Organistica del Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo, è invitata a partecipare ai concerti organizzati dalla 2a Rassegna di Giovani Organisti tenutasi a Maerne (VE). Le è stato aggiudicato il III premio sia al Concorso Nazionale Pianistico “Città di Genova” sia al Concorso “Musica d'Assieme”, sempre a Genova. Ha collaborato come orchestrale (pianista in orchestra) e come maestro collaboratore con i Teatri di Rovigo e di Treviso. Ha partecipato alla realizzazione del CD allegato al libro Ande, Bali e Cante del Veneto di Antonio Cornoldi in occasione della prima ristampa dell'edizione integrale per la casa editrice Minelliana. Ha frequentato presso l'Accademia Pianistica Internazionale di Imola il corso triennale di Musica da camera tenuto dal P. N. Masi, conseguendo il relativo Diploma. Sotto la guida delle docenti Laura Bertani e Silvia Rambaldi ha conseguito il Diploma Accademico di secondo livello in Clavicembalo presso il Conservatorio “G.B.Martini” di Bologna. Ha partecipato a corsi di perfezionamento con L. F. Tagliavini, A. Faia, P. N. Masi, D. Vicentini-A. Zanetti (corso post-diploma di repertorio per Pianoforte a quattro mani), L. Bertani-E. Gatti (J. S. Bach), E. Fadini (D. Scarlatti), D. Dolci (musiche di compositrici barocche in particolare É. C. Jacquet de La Guerre), L. Dradi (musica per danza e forme coreutiche dal XVI secolo al primo ottocento), G. Togni ( 48° Corso Internazionale di Musica Antica Urbino, Basso Continuo e Musica da Camera), G. Togni, E. Baiano (49° Corso Internazionale di Musica Antica Urbino, Basso Continuo e Clavicembalo). Nell'A. A. 2014/2015 ha rappresentato il Conservatorio di Adria presso la Hongyu International School con sede a Pechino e a Nanchang, tenendo lezioni individuali e collettive di pianoforte e organizzando il concerto di fine corso. È risultata vincitrice nel concorso nazionale a cattedre per la classe di Pianoforte Complementare. Dall'A.A. 2012/2013 all'A.A. 2017/2018 ha tenuto i corsi integrativi di “Clavicembalo e Tastiere Storiche” presso il Conservatorio di Adria. Svolge da tempo attività concertistica come solista, in formazioni strumentali e corali, in qualità di organista, pianista, clavicembalista e direttore di coro. È docente di “Pratica e Lettura Pianistica” presso il Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo.